Con stagioni anomale necessari più controlli

stagioni
Infiorescenze olivo infestate da cotonello
Con un inverno e una primavera miti si ha una ripresa vegetativa anticipata e il proliferare di insetti e patogeni come il cotonello e la lebbra. Molto utili le ispezioni delle piante e mezzi di difesa agronomica

I primi mesi del 2016 sono stati caratterizzati da una situazione meteorologica particolarmente anomala. Ad esempio, nella regione Marche, nei mesi di gennaio e febbraio, le temperature medie sono risultate di 2,7 °C superiori alla media degli ultimi trent’anni e anche le precipitazioni sono state superiori di circa 40 mm rispetto alla media dello stesso periodo. Si conferma quindi il trend delle precedenti annate caratterizzato da scostamenti sensibili di uno o più parametri climatici dai valori medi di riferimento.

È chiaro che in questa situazione può essere difficile valutare la situazione fitosanitaria dell’oliveto basandosi unicamente sull’esperienza. Infatti tra i fattori di limitazione naturale degli organismi nocivi non si può non considerare l’effetto delle rigide temperature invernali e degli sbalzi termici primaverili che possono determinare una elevata mortalità delle forme svernanti di fitofagi o bloccare lo sviluppo dei patogeni. Inoltre la situazione meteo-climatica influenza enormemente lo sviluppo vegetativo della coltura determinando, a causa di inverni e periodi primaverili particolarmente miti, sia un anticipo della ripresa vegetativa sia condizioni favorevoli allo sviluppo di insetti fitofagi e di patogeni fungini.

Tenendo conto di queste considerazioni è quindi consigliato ispezionare regolarmente l’oliveto per valutarne lo stato fitosanitario e la fase fenologica.

Attenzione agli insetti

Nel caso di infestazioni da rodilegno giallo (Zeuzera pyrina), i cui sintomi possono manifestarsi sulle branche o sul tronco con la fuoriuscita di sostanze gommose in corrispondenza delle gallerie scavate dalle larve all’interno del legno (foto n. 1), a partire dalla seconda metà di maggio è consigliabile l’installazione dei dispenser a feromoni, da impiegare nel disorientamento sessuale, di trappole a feromone per attuare la cattura massale....

 

Leggi l’articolo completo su Olivo e Olio n. 3/2016 L’Edicola di Olivo e Olio

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome