L’EVOlogo, una nuova figura professionale

evologo
L’hanno creata Unaprol e Coldiretti Lazio, presentando, insieme con Fondazione Evoo School e Fondazione ITS Agroalimentare, il primo corso ITS dedicato alla filiera olivicolo-olearia

L’EVOlogo è una nuova figura professionale specializzata nel comparto olivicolo-oleario, volta a valorizzare e promuovere la relativa filiera e destinata a creare nuovi posti di lavoro. Questa novità assoluta nel panorama formativo è frutto di una intuizione di Unaprol e Coldiretti Lazio e diventerà realtà in collaborazione con la Fondazione Evoo School e l’Istituto Tecnico Superiore Agroalimentare.

Infatti il prossimo ottobre partirà il primo corso ITS biennale gratuito (sono già aperte le pre-iscrizioni) per acquisire il titolo riconosciuto di “Tecnico Superiore Responsabile delle produzioni e trasformazioni agrarie con specializzazione nel settore olivicolo-oleario”, altrimenti detto EVOlogo.

EVOlogo, da un innovativo e ambizioso progetto

L’innovativo e ambizioso progetto è stato presentato a Roma, presso gli spazi Garum - Biblioteca e Museo della Cucina, da Coldiretti Lazio, Unaprol, Fondazione Evoo School e Fondazione ITS Agroalimentare, raccogliendo il plauso della Regione Lazio. All’evento, moderato dal direttore di Unaprol e AD Fondazione Evooschool, Nicola Di Noia, erano presenti, infatti, l’assessore regionale laziale all’Istruzione, Claudio Di Berardino, il presidente di Unaprol e Coldiretti Lazio, David Granieri, e il direttore ITS Agroalimentare, Eugenio Stelliferi, nonché lo Chef - Fondatore Campus Étoile Academy, Rossano Boscolo. A parlare degli aspetti organizzativi del corso anche la responsabile didattica ITS Agroalimentare, Laura Castellani, il presidente Agrotecnici e vice presidente Evooschool, Roberto Orlandi, il dirigente scolastico ITA Garibaldi, Andrea Pontarelli, e il direttore di Coldiretti Lazio, Sara Paraluppi.

«Questo progetto rappresenta un risultato importantissimo – ha spiegato Granieri – non solo per noi, ma per l’intera filiera olivicola italiana ed è frutto di una lunga collaborazione tra Coldiretti, Unaprol, Fondazione Evoo School e Fondazione ITS Agroalimentare, nell’ambito di un piano culturale e tecnico che valorizzerà la filiera.

Sappiamo bene quanto sia determinante investire nella formazione di figure professionali altamente qualificate, in grado di fare proprie le istanze, gli obiettivi e le criticità del comparto olivicolo-oleario italiano e contribuire, a ogni livello, a guidarne e indirizzarne lo sviluppo e l’evoluzione».

Il corso valorizzerà olio d’oliva e olive da tavola

Il corso, che valorizzerà i principali prodotti della filiera olivicolo-olearia come l’olio d’oliva e le olive da tavola, icone all’estero di italianità e dieta mediterranea, prevede lo svolgimento di oltre 1.000 ore di formazione diretta e 800 ore di tirocinio in azienda.

Coerentemente con le caratteristiche definite dal Miur, in relazione a questo livello formativo, il corso avrà un’impostazione tecnica e di alta specializzazione, con l’obiettivo primario di rispondere ai fabbisogni di innovazione e di trasferimento tecnologico delle piccole e medie imprese della filiera.

«L’obiettivo è sviluppare la capacità produttiva della filiera – ha illustrato Granieri – per ridurre gli squilibri nella distribuzione del valore a carico della fase di produzione primaria, accrescere la sostenibilità ambientale e valorizzare il nostro patrimonio varietale autoctono e i benefici salutistici degli oli di qualità, anche guidando il mercato verso un consumo più informato e responsabile.

Si tratta di una sfida ambiziosa, per vincere la quale l’olivicoltura italiana ha tutte le carte in regola, ma che richiede al tempo stesso una forte crescita “culturale” e professionale del comparto, l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative in tutte le fasi, il passaggio a una visione di sistema e strategica».

Grande interesse per il comparto

Il nuovo corso per la nuova figura professionale dell’EVOlogo sta dimostrando il grande interesse per il comparto, a giudicare dalle numerose richieste di informazioni già pervenute da tantissimi studenti interessati a iscriversi a esso e dalle scuole che vogliono attivare il nuovo percorso professionale.

«Lo straordinario progetto di sviluppo del comparto olivicolo-oleario per rilanciare i prodotti di eccellenza in campo internazionale – ha affermato Castellani – ci ha immediatamente convinto e appassionato. Coldiretti e Unaprol hanno avuto la capacità di intuire che un percorso sistemico va sostenuto anche grazie alla competenza di nuovi esperti, che conoscano perfettamente questo straordinario comparto e si dedichino a valorizzarne i prodotti».

Maggiori informazioni sul corso e relativi moduli di iscrizione sono disponibili sul sito dell’ITSAgro.

L’EVOlogo, una nuova figura professionale - Ultima modifica: 2021-07-06T09:30:08+02:00 da Giuseppe Sportelli

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome