Home Ricerca scientifica

Ricerca scientifica

Studi scientifici sui temi più rilevanti della moderna olivicoltura, dalla prevenzione delle malattie dell'olivo all'olivicotura biologica, fino alle tecniche di estrazione dell'olio

concimazione azotata su olivo

Concimazione azotata e mosca dell’olivo

Un’abbondante apporto di azoto può ritardare la maturazione dei frutti, provocando, però, la riduzione della suscettibilità dei frutti agli attacchi di mosca; l’osservazione da uno studio di recente pubblicazione sulla varietà portoghese Cobrançosa
stime produttive in olivicoltura

Stime produttive più accurate misurando polline e fioritura

La misura della concentrazione del polline di olivo nell’aria permette di tracciare e quantificare l’andamento della fioritura: si è rivelata un indicatore importante che migliora l’affidabilità delle stime produttive di grandi comprensori olivicoli
olivicoltura mediterranea

Temperature elevate, i rischi per l’olivicoltura mediterranea

Gli effetti sulla fisiologia dell’olivo dell’innalzamento delle temperature: calo di produttività, anticipo dell’epoca di maturazione e riduzione della resa in olio rischiano di mettere a repentaglio la coltivazione di questa specie nel bacino del mediterraneo
olivicoltura in toscana

L’olivicoltura toscana guarda al futuro

I risultati dei Progetti Integrati di Filiera (Pif) finanziati dalla Regione Toscana sono stati illustrati nel convegno “L’Olivicoltura in Toscana fra passato e futuro” organizzato lo scorso 10 dicembre dall’Accademia dei Georgofili
potassio

Potassio: essenziale ma quanto?

Anche se è uno degli elementi maggiormente apportati con le concimazioni, l’olivo potrebbe beneficiarne meno di quanto si pensi. Un recente studio valuta gli effetti sull’accrescimento e sulla risposta alle limitazioni idriche.
biogas

Biogas, opportunità per il settore oleario

Come le sanse, le acque di vegetazione possono essere reimpiegate, attraverso processi fermentativi, per la produzione di energia. Allo studio le potenzialità e la messa a punto di sistemi efficienti per il loro trattamento
stress idrico in olivicoltura irrigua

Stress idrico e crescita del frutto

La gestione in deficit idrico controllato è ormai prassi laddove si pratichi l’olivicoltura irrigua: un deficit che deve essere imposto solo nelle fasi fenologiche meno sensibili

E-magazine

Tecniche, prodotti e servizi dalle aziende
E-magazines

Rettangolo

Catalogo Aziende e Prodotti

Un modo semplice per cercare un'azienda o un prodotto!

Bottone #1

L'Esperto risponde

I consigli di Terra e Vita agli agricoltori

Rettangolo piede

AgriAffaires

Acquisto e vendita macchinari agricoli
AgriAffaires

inerbimento in oliveto

L’inerbimento migliora le proprietà del suolo

La presenza di un prato permanente nell’oliveto protegge il suolo dai fenomeni erosivi, aumenta la capacità di conservazione dell’acqua e mantiene la fertilità. Una pratica utile per oliveti in produzione
fattore luce su oliveto

Luce e composizione degli oli di oliva

L’intercettazione della luce condiziona la fruttificazione, la crescita e la maturazione. Ma ci sono anche parametri qualitativi che devono essere considerati, come suggerisce una recente ricerca condotta in Argentina
colture di copertura per oliveto

Cover crops per proteggere l’oliveto dall’erosione

Un recente studio illustra i benefici dell’uso di colture di copertura contro i fenomeni erosivi, per mantenere la fertilità del terreno, permettere una maggiore infiltrazione e stoccaggio dell’acqua nel suolo
shelf life dell'olio

È possibile prevedere la shelf life dell’olio?

La vita di scaffale dell’olio viene sensibilmente ridotta dall’esposizione alla luce e a temperature elevate. Sono allo studio modelli di previsione dell’evoluzione della qualità durante la conservazione.
occhio di pavone

L’azoto in eccesso favorisce gli attacchi di occhio di pavone

Un recente studio condotto da ricercatori dell’Università di Cordoba stabilisce una corrispondenza tra le concimazioni azotate e la gravità dell’attacco da F. oleagineum.
cultivar nociara di olivo superintensivo

Superintensivo, le cultivar più adatte

Le indicazioni emerse dalla 12ª giornata dimostrativa di raccolta meccanica in continuo presso l’oliveto sperimentale dell’Università di Bari. Oltre a quelli delle cultivar spagnole, buoni i risultati ottenuti con la Nociara
aroma olio

Nuove conoscenze sull’aroma dell’olio

La percezione della qualità sensoriale, dei pregi e dei difetti, dell’ olio extra-vergine di oliva investe complessi fenomeni neurofisiologici e può essere influenzata dalle interazioni tra saliva, biofenoli e molecole volatili
olive

Una grande collezione di biodiversità olivicola

Da venti anni Il Crea di Rende cura il campo di conservazione del germoplasma di olivo più esteso al mondo. Oggi sono 188 le accessioni caratterizzate morfo-geneticamente e per il profilo sensoriale degli oli
cambiamenti climatici

Cambiamenti climatici: effetti e possibili soluzioni

Le alte temperature, lo stress idrico, l’alterazione della fenologia e dei cicli di patogeni e insetti mettono a rischio l’olivicoltura mediterranea. Le proposte strategie di adattamento incentrate sulla selezione di varietà resilienti
convegno soi 2017 olivo e olio

Il IV Convegno Nazionale dell’Olivo e dell’Olio

Ricercatori, tecnici, imprenditori e rappresentanti delle istituzioni da tutta Italia si sono riuniti a Pisa per presentare e discutere i recenti risultati della sperimentazione scientifica e le tendenze della filiera olivicola-olearia.
css.php