Ricerca e innovazione, torna BiolInnova

BiolInnova 2020
Esperienze di ricerca da comunicare e condividere. Prossima edizione a marzo 2020

BiolInnova nasce da un’idea dell’Associazione L’Olio di Puglia, Dialoghi Fluidi con il Premio Biol. È l’incontro annuale della ricerca sulla filiera dell’olivo e dell’olio che vuole divulgare i risultati delle ricerche su Innovazione e ricerca tecnologica per la sostenibilità della filiera olivicola olearia, non solo del biologico. La prossima edizione si terrà dal 18 al 20 marzo 2020.

Il progetto veicola la ricerca della filiera olivicola-olearia, per confrontarsi sui temi e veicolarli anche all’estero. Per una maggiore contestualizzazione internazionale coglie l’occasione della presenza in Puglia della professionalità e della internazionalità della giuria del Premio Biol.

Tante sono le esperienze di ricerca che hanno preso parte alle precedenti edizioni. Tra queste, le ricerche per Agris Sardegna, presentato dal dott. Piergiorgio Sedda, che hanno toccato varie tematiche: dalla potatura e valorizzazione di olivi plurisecolari agli studi varietali su cultivar autoctone sarde per oli e olive da tavola nutraceutici.

Altra esperienza regionale presente al BiolInnova è stata quella del dott. Giovanni Lacertosa, per Alsia-Basilicata, con alcuni lavori sull’innovazione organizzativa della filiera olivicola Lucana e le ricerche sulle caratteristiche chimiche-organolettiche ed il legame con l’ambiente che hanno condotto all’Olio Lucano Igp.

Per il Dipartimento Safe dell’Università degli Studi di Foggia è stato presente il Prof. Alessandro Leone, il quale ha presentato i risultati dell’applicazione di prototipi industriali studiati per combinare scambiatori di calore e microonde, microonde e ultrasuoni, per l’estrazione dell’olio.

Le nuove tecnologie estrattive e le prospettive sull’utilizzo di impianti industriali ad ultrasuoni e a campi elettrici pulsati per l’estrazione olearia in Puglia, sono state discusse anche dalla dott.ssa Antonia Tamborrino, del Disaat dell’Università degli Studi di Bari.

Dallo stesso Ateneo, la prof.ssa Grazia Tamma (Dipartimento di Bioscienze, Biotecnologie e Biofarmaceutica) ha fornito una presentazione delle ricerche sui composti derivati dalle foglie verdi di olivo con ruolo citoprotettore delle cellule renali esposte a basse dosi di cadmio.

Sul tema della valorizzazione del prodotto, il Biol-Innova ha visto la partecipaziome del dott. Luigi Centauri per Capol Latina e di Damiano Pasciuto, funzionario regionale, con l’esperienza del premio “L’Olio delle Colline” come volano per il recupero dei paesaggi e strumento guida per implementare la qualità produttiva.

Sulla ricerca e messa punto di nuovi prodotti, il dott. Benito Scazziota di Arsa Calabria ha presentato il lavoro sulla preparazione alimentare innovativa dell’olio spalmabile, presente in due edizioni con il prodotto a base di olio extravergine convenzionale e biologico.

Dall’estero BiolInnova si è pregiata della presenza di: IFAPA Cordoba (Spagna) con la dott.ssa Brigida Jimenez Herrera, che ha presentato la ricerca sulla maturazione delle varietà Picual e Hojiblanca; della Facoltà di scienze agrarie Università Statale di Yuno (Argentina) con la dott.ssa Elena Veronica Araniti che ha presentato la ricerca sulla valutazione chimico-fisica e sensoriale di maionese prodotta con olio extravergine di oliva.

Per partecipare a BiolInnova 2020 è possibile richiedere regolamento e scheda d’iscrizione a loliodipuglia@gmail.com e info@premiobiol.it.

Ricerca e trasferimento

poster a BiolInnova 2020
l BiolInnova ospita una sessione di poster.

La manifestazione si compone di due sezioni:

  • Mostra permanente delle ricerche con la sessione poster. L’area espositiva, a cura dell’Associazione Dialoghi Fluidi, è luogo di facilitazione degli incontri R2R e R2B visitabile durante le attività del Premio Biol dal 18 al 20 marzo 2020;
  • Dialoghi fluidi tra i ricercatori e i potenziali fruitori della ricerca. L’obiettivo è l’incontro e il dialogo sullo stato della ricerca, i suoi filoni e i risultati raggiunti: riflessioni e approfondimenti.

Requisito per la partecipazione a BiolInnova è un programma di ricerca sviluppato con criteri di sostenibilità economica, ambientale e sociale, riferito all’intera filiera olivicola-olearia e ai prodotti correlati.

Ricerca e innovazione, torna BiolInnova - Ultima modifica: 2019-10-28T16:34:52+00:00 da Barbara Gamberini

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome